Inaugurato, alla Rocca dei Rettori, il festival della cultura dell’Istituto Virgilio

IMG_1538Inaugurato stamani presso la Rocca dei Rettori il “Festival della Cultura. I giovani dell’arte” promosso dall’Istituto d’Istruzione Superiore “Virgilio” di Benevento-Foglianise-San Giorgio del Sannio con il patrocinio della Provincia di Benevento.
L’iniziativa, che ha coinvolto tutte le Classi dell’Istituto, mette in luce le eccellenze raggiunte dagli allievi in un raggio d’azione multidisciplinare: pittura, scultura, grafica, musica, teatro, letteratura, poesia. Un viaggio straordinario nel mondo dell’arte e nelle sue multiformi espressioni; ma anche “un premio per i miei bravissimi ragazzi”, ha spiegato la dirigente scolastica Maria Buonaguro, egregiamente supportata dai Docenti.
Al taglio del nastro erano presenti: l’Arcivescovo Metropolita mons. Felice Accrocca, i consiglieri provinciali Giovanni Campobasso e Francesco Maria Rubano, il sindaco di Benevento Clemente Mastella ed altre Autorità.
Di profondo valore etico è stata, all’interno del più complesso ed articolato Festival, la collaborazione intrecciata dai ragazzi di una Classe “IV” del Virgilio con alcune delle persone ristrette nella struttura circondariale di Capodimonte di Benevento. Insieme i due gruppi hanno dato vita al progetto “Codice a S-Barre”, cioè un percorso artistico ed umano straordinariamente intenso, ha spiegato la dirigente Buonaguro, che ha visto i ragazzi “di dentro” dialogare con i ragazzi “di fuori” per costruire insieme il progetto “Legalità – Illegalità”. In tale contesto, il torrione longobardo, collegato al complesso monumentale rinascimentale, è stato addobbato in modo particolare dagli Allievi sia con vetrofanie che con lenzuola annodate nel ricordo della funzione di carcere che il monumento ha esplicato nei secoli scorsi. Non manca nel Festival una ricerca sugli antichi mestieri del Sannio, nonché uno studio sulle principali bellezze monumentali ed artistiche di questo territorio.
I lavori davvero pregevoli dei ragazzi del “Virgilio”, esposti nelle Sale espositive del monumento longobardo-rinascimentale ed anche nei Giardini annessi, possono essere ammirate nelle ore mattutine e pomeridiane per una intera settimana fino al 27 maggio. Ingresso libero.  

Lascia un commento