Il futuro del Treno Storico è la sua istituzionalizzazione

Si punta ad istituzionalizzare il percorso del Treno storico del pellegrinaggio Benevento/Pietrelcina/Assisi nell’ambito della battaglia per la rinascita della dorsale appenninica.
Un Protocollo di intesa per rendere periodica tale esperienza sarà al centro dell’evento dell’8 dicembre in occasione del rinnovato gemellaggio tra Assisi e Betlemme.
La proposta alla base della iniziativa che è stata sollecitata anche dai Vescovi delle aree interne campane con la loro “Lettera agli Amministratori” del maggio scorso è a fondamento dalla battaglia sostenuta dalla Provincia di Benevento, con il Presidente Antonio Di Maria, che ha trovato appoggio nella stessa Regione Campania.

Questo il dato sostanziale dell’esperienza del pellegrinaggio del 7 e 8 settembre scorso con il Treno storico finanziato dalla Regione Campania e gestito da Fondazione Fs, con la compartecipazione della Provincia, della Camera di Commercio e dell’Arcidiocesi di Benevento.

La proposta di una lotta unitaria delle comunità delle dorsali appenniniche contro la desertificazione e lo spopolamento è stata rappresentata e fatta propria nel corso di incontri pubblici in: Isernia, con la partecipazione del sindaco isernino Giacomo d’Apollonio e del Vice Presidente della Provincia, Cristoforo Carrino; L’Aquila, con la partecipazione del Cardinale Giuseppe Petrocchi e dell’assessore comunale Fabrizia Aquilio; Assisi con la partecipazione del sindaco Stefania Proietti, del Presidente del Consiglio Donatella Casciarri, e dell’assessore Massimo Paggi e del capogruppo Giuseppe Cardinali.

In particolare, i Consiglieri del Presidente della Regione Campania per la infrastrutturazione ferroviaria Costantino Boffa e Francesco Todisco, hanno sottolineato il valore di iniziative finalizzate alla riscoperta delle aree interne, alla loro interconnessione e con le grandi direttrici di traffico, anche nel contesto dei flussi del “turismo religioso”. Gli stessi Sindaci di Assisi, Stefania Proietti, e di Pietrelcina, Domenico Masone, hanno auspicato il rinsaldarsi dei legami delle comunità religiose della dorsale appenninica. Il Presidente della Camera di Commercio Antonio Campese ha ricordato il patrimonio di qualità delle produzioni artigianali di tutta la dorsale appenninica. Lo stesso Arcivescovo di Benevento, nella sua Omelia durante la Celebrazione liturgica nella Basilica di San Francesco ad Assisi, ha evidenziato la forza della fede che realizza risultati straordinari, evidenziando come queste si traducano nel concreto, ad esempio, nelle trasformazioni urbanistiche di Assisi e negli straordinari affreschi di Giotto. Il Presidente della Provincia di Benevento Di Maria, nel suo intervento in Basilica, ha voluto sottolineare il valore di una scelta politica e di una lotta che vuole salvare dal depauperamento e dalla lettera sparizione una così ampia fetta del Paese che pure si caratterizza per le straordinarie testimonianze artistiche, storiche, culturali.

Il progetto del Treno storico, con la partecipazione di 460 pellegrini, è stato reso possibile grazie all’intervento della CNA Campania Nord, con l’organizzazione ed il coordinamento di Sannio Europa, società in house della Provincia di Benevento con l’Amministratore Giuseppe Sauchella, e la sponsorizzazione del GAL Taburno e GAL Tammaro-Titerno, Comune di Isernia, Tecnocostruzioni srl Torrecuso, Mastrocinque costruzioni srl, Barone costruzioni srl. Il Presidente Di Maria ha voluto ringraziare per il lavoro svolto dalla CNA dell’Aquila con il Direttore Agostino Del Re, dall’Agenzia Viaggi &Co Buonvento, dall’Istituto Alberghiero Le Streghe e dalla Croce Rossa Italiana di Benevento.

Lascia un commento