Il Comitato Viabilità Negata, preoccupato dall’arrivo dell’inverno, rammenda le promesse di non lasciare solo il Fortore

Il Comitato Civico Viabilità Negata constata suo malgrado che, dopo mesi di attesa e speranza, la “solitudine” endemica di cui soffre persiste e rende ancora più agonizzante questo scorcio di fine estate.
Nei mesi scorsi sono stati effettuati dei piccoli interventi di manutenzione che già allo stato attuale non risultano sufficienti a garantire la sicurezza della viabilità: basti pensare al taglio della vegetazione ai lati delle strade effettuato a macchia di leopardo.
Alla luce di ciò il Comitato guarda con molta preoccupazione all’approssimarsi della stagione invernale. Infatti: manca ancora completamente la segnaletica verticale ed orizzontale, fortemente promessa durante gli incontri con l’ente Provincia ed unica guida nelle lunghe giornate e nottate di nebbia; le poche cunette ripulite sono state nuovamente occluse dai versamenti di fango alluvionale provenienti dai sovrastanti campi arati; alcune delle buche riparate si sono già riaperte mentre di nuove se ne sono formate.
Il Comitato continuerà a vigilare e denunciare tutte le mancanze riguardanti lo stato dei lavori di ordinaria manutenzione delle SP45 e 50. Auspica che le promesse fatte ed i fondi stanziati per tali strade non vengano distolti e dirottati altrove. In attesa dell’esito del bando regionale, nel quale sono stati inseriti i progetti per la SP45 e 50, il Comitato sollecita l’attuazione completa della messa in sicurezza delle strade in questione, affinché i Montefalconesi non siano costretti a vivere ancora nel disagio e nella drammatica precarietà discriminante.

Lascia un commento