Forum delle Culture: slow food, documentari, musica e vino

forum-culture-3Terzo fine settimana di attività per il Forum Universale delle Culture Napoli e Campania – Città di Benevento, rassegna in cartellone fino al 22 giugno prossimo con un programma allestito dalla Regione Campania e dal Comune di Benevento, che prevede la partecipazione di partner progettuali del calibro di Slow Food Campania, l’Associazione Nazionale delle Città del Vino e la Fondazione ITS BACT, e dei soggetti componenti la Consulta degli operatori della Cultura e del Turismo di Benevento.

Per questa nuova serie di incontri la partenza sarà affidata all’associazione Luidig che, oggi alle ore 20 a Palazzo Paolo V, proporrà “Slow Food Story” di Stefano Sardo. Il documentario riguarda Carlo Petrini (detto Carlìn) e il suo progetto visionario che, assumendo varie forme nel corso del tempo, arriva a rivoluzionare davvero il modo di pensare il rapporto con il cibo e con le materie prime.
In effetti, Sardo racconta la genesi del movimento internazionale Slow Food mescolando storia e mito. E lo fa ripercorrendo lo scenario privato e amicale che, tra goliardia e utopia, ha portato un piccolo gruppo di amici di provincia a capo di un impero.
Con limpida onestà, il regista mette in chiaro che si tratta anche di una storia di famiglia, con un percorso che narra dell’esperimento politico e giovanile di Radio Bra Onde Rosse, di quello sociale e dei primi episodi spontanei fino a quelli via via più maturi e imprenditoriali dell’Arcigola (1986) e del Salone del Gusto di Torino, fino all’istituzione della prima Università di Scienze Gastronomiche al mondo e all’inserimento di Carlo Petrini tra gli eroi in grado di salvare il mondo secondo la rivista “Time”.
Una visione di certo appassionante e, con il grande merito di restare legata agli intenti iniziali e di non scivolare mai nella promozione. Per questo, non si trovano marche, nomi ed esibizionismi. Stefano Sardo, infatti, preferisce dare spazio ai volti, ai colori, alle parole, sia domestiche sia ufficiali, che rivelano il segreto del successo che racconta.

Sempre oggi, spazio alla musica. L’appuntamento è per le ore 19 a Palazzo Paolo V (all’interno dell’enoteca) con “Fermenti sonori”, rassegna curata dall’associazione culturale musicale UBIK. Si tratta di un progetto ambizioso dove la cultura della musica si fonde con quella del vino. I due mondi, solo in apparenza distanti, ma uniti dal senso del gusto e alla musica improvvisata. Da qui una proposta di un percorso fatto di linguaggio jazzistico e degustazioni, in grado di creare le atmosfere popolari di un tempo, fra passato e presente, tra melodie e sapori delle nostre viti. A esibirsi saranno Alessandro Tedesco (trombone) e Francesco Mascio (chitarra), per la direzione artistica di Vincenzo Saetta.

Continua, intanto, la promozione dell’evento attraverso il promo truck che, fino a domenica 11, farà sosta a Napoli.

Lascia un commento