Forum culture, il cartellone riparte con la proiezione di ‘Focaccia blues’

Focaccia bluesRiprende con la proiezione di “Focaccia blues – Storia della focaccia che si mangiò l’hamburger”, l’ultimo fine settimana del Forum Universale delle Culture Napoli e Campania – Città di Benevento, rassegna programmata in collaborazione con Slow Food Campania, l’Associazione Nazionale delle Città del Vino e la Fondazione ITS BACT – e dai soggetti componenti la Consulta degli operatori della Cultura e del Turismo di Benevento.

L’appuntamento è per le ore 20 di domani a Palazzo Paolo V. Il film narra di una vicenda tratta da una storia vera e porta la firma del pugliese Nico Cirasola. Tutto è accaduto qualche anno fa ad Altamura, località in provincia di Bari famosa per il suo pane e per le focacce. E’ lì, nel piccolo centro della Murgia, che il colosso McDonald’s ha aperto uno dei suoi ristoranti, con stessi criteri di marketing che hanno imposto e diffuso il marchio in tutto il mondo. E quindi ignorando del tutto quel piccolo negozio, con una sola vetrina, di cui non acquisisce la proprietà. Quel locale è in mano a Luca Di Gesù che, armato di pane, focacce, pomodori e olio d’oliva, in modo lento ma inesorabile è riuscito a sconfiggere il colosso costringendolo a chiudere.  Fra gli interpreti anche Michele Placido, Nichi Vendola, Lino Banfi e Renzo Arbore.

Venerdì 20 giugno alle ore 10,30, invece, ancora una tappa dell’intensa attività dei Laboratori della Terra dedicati ai Granai della Memoria. Maria Grazia Marchetti, Fiduciaria Slow Food Tammaro – Fortore, guiderà un incontro, aperto al pubblico, con i titolari di aziende agricole e agrituristiche di tutta la provincia beneventana che hanno preso parte a un corso di formazione ideato dalla Regione Campania e che ha visto tra i suoi partner Slow Food Campania. Tema del Laboratorio sarà la Dieta Mediterranea, Patrimonio Immateriale dell’Umanità, con la partecipazione, in collegamento Skype, dei protagonisti del meeting di Aicare – Agenzia Italiana per la Campagna e l’Agricoltura Responsabile e Etica, in svolgimento a Pozzuoli.
Nella serata, dalle ore 19, nuovo momento con le Espressioni Culturali a Palazzo Paolo V, con le performance musicali di Fermenti sonori, proposte dall’associazione Ubik.
Nella stessa sede è possibile visitare le mostre: “La viticoltura del Sannio tra paesaggio, identità’ e pianificazione: il modello urbanistico di Castelvenere”, curata dalla Federarchitetti, sezione territoriale di Benevento, e riguarda lo studio e la programmazione del PUC di Castelvenere, comune sannita che si è aggiudicato il primo posto del concorso nazionale “Il miglior Piano Regolatore delle Città del Vino”; e “Winescapes, l’arte del paesaggio”, con le foto di Mark Cooper, organizzata dall’Associazione Nazionale delle Città del Vino, coglie la perfezione geometrica delle sagome policromatiche di campi e vigneti delle Langhe.

 

Lascia un commento