Fermate dai Carabinieri due giovani prostiture rumene al rione Ferrovia

antiproAncora un nuovo servizio antiprostituzione portato a termine dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Benevento, a seguito degli specifici servizi disposti dal Comando Provinciale dell’Arma sannita e tesi al contrasto del fenomeno del meretricio.

A pochi giorni da un’analoga operazione, scaturita da un’accorata lettera inviata al Comando Provinciale Carabinieri di Benevento dai residenti del rione Ferrovia, con la quale segnalavano la presenza di ragazze di origine rumena che esercitavano attività di meretricio lungo viale Principe di Napoli, i Carabinieri hanno fermato altre due donne, sempre di origine rumena, di 24 e 22 anni, impegnate in attività di meretricio di strada.

I militari hanno infatti notato le due giovani mentre si aggiravano disinvoltamente tra i marciapiedi del viale, fingendo di passeggiare e con la scusa di osservare le vetrine dei negozi; ma, nel momento in cui si rendevano conto della presenza di un potenziale cliente, gli si avvicinavano e, con sorrisi ed ammiccamenti, gli proponevano un incontro amoroso a pagamento. Le due donne si appostavano, inoltre, anche nei pressi dell’ingresso della stazione ferroviaria dove cercavano di attirare l’attenzione di qualche viaggiatore solitario in cerca di avventure. Dopo averle fermate, i Carabinieri hanno accertato che erano  provenienti da piazza Garibaldi a Napoli e gravate da precedenti giudiziari per reati predatori di varia natura, per cui hanno deciso di condurle in caserma per il fotosegnalamento e per più approfondite verifiche. Al termine è emerso che entrambe  non erano in regola con la normativa circa la loro regolare presenza sul territorio italiano e di conseguenza i Carabinieri la hanno proposte alle autorità competenti per un provvedimento di allontanamento.

Lascia un commento