Controlli lungo il fiume Calore, prosegue l’attività dei Carabinieri per rintracciare oggetti trafugati

DSC08216I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Benevento, nell’ambito dei servizi preventivi finalizzati al contrasto dei furti, hanno individuato e fermato otto persone di origine rumena, quattro donne di età compresa tra i 28 ed i 59 anni e quattro uomini di 44, 42, 28 e 46 anni, tutti nullafacenti e pregiudicati.
Già da qualche giorno i militari hanno deciso di procedere a mirati servizi di controllo finalizzati alla ricerca di eventuale refurtiva nascosta nell’area lungo Calore, anche in relazione ad alcuni furti avvenuti nella zona.
Pertanto, alle ore 06.00 di questa mattina, 20 Carabinieri della Compagnia di Benevento hanno effettuato un rastrellamento delle aree adiacenti al ponte di via dei Longobardi lungo il fiume Calore.
Alcuni militari nel corso della battuta hanno notato sotto il cavalcavia la presenza di alcune baracche, già controllate in passato, posizionate in uno slargo nei pressi del fiume. Qui hanno ispezionato tutte le baracche, peraltro prive di requisiti di sicurezza, identificando all’interno di esse quattro donne che, peraltro, risultavano gravate da precedenti di polizia per reati predatori e già proposte al foglio di via obbligatorio.
A poca distanza dall’accampamento, poi, i Carabinieri hanno intercettato un’ autovettura BMW 320, con a bordo altri quattro soggetti di nazionalità rumena, i quali giustificavano la loro presenza dicendo di essere appena giunti in città dal centro Italia, forse richiamati dai loro connazionali. L’autovettura, priva di assicurazione e con un falso tagliando assicurativo, è stata sequestrata. Per i quattro rumeni, non avendo fornito plausibili giustificazioni circa la loro presenza in città, è stata attivata la procedura per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio.

Lascia un commento