Consegna a febbraio del progetto esecutivo per bonificare la discarica di Serra Pastore

IMG_1173Entro il 6 febbraio prossimo sarà consegnato alla Provincia di Benevento il progetto esecutivo per la bonifica della discarica consortile di Serra Pastore in San Bartolomeo in Galdo.
La bonifica di Serra Pastore mobilita risorse, su co-finanziamento dell’Unione Europea – Regione Campania Por Campania Fesr 2014/2020, pari a 4.087 milioni di Euro oltre l’IVA.
L’intervento, programmato con delibera regionale del luglio dello scorso anno, consentirà di scongiurare pericoli per l’ambiente in prossimità nell’area dell’impianto consortile.
La Provincia era stata individuata dalla Regione Campania quale Ente attuatore della bonifica. Il progetto di massima, predisposto dal Servizio Ambiente della Provincia, era stato adottato già dalla precedente Amministrazione della Rocca dei Rettori presieduta da Aniello Cimitile, ma il cronoprogramma d’intervento aveva subìto uno stop a causa di un provvedimento di sequestro della Magistratura della discarica alla periferia di San Bartolomeo in Galdo nel corso di una inchiesta sul rispetto delle norme in materia ambientale.
Il mancato avvio dei lavori, a seguito delle rigide norme europee, avrebbe potuto portare alla revoca del finanziamento promesso ed a perpetuare la presenza di questa sorta di “spada di Damocle” sulla città del Fortore. Anche a seguito, dunque, delle legittime preoccupazioni circa la tutela dell’ambiente rappresentate dall’Amministrazione Comunale e dai cittadini di San Bartolomeo in Galdo, il Presidente della Provincia Ricci aveva avviato una intensa interlocuzione istituzionale con la Regione Campania per salvare letteralmente dalla cancellazione il finanziamento. Cosa che alla fine è effettivamente avvenuta nel mese di luglio scorso con l’approvazione din una delibera regionale: fatto di cui il Presidente Ricci diede atto al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ed al consigliere regionale Erasmo Mortaruolo e agli stessi Uffici regionali preposti per la sensibilità dimnostrata.

Lascia un commento