Condotte violente in famiglia, per l’uomo libertà vigilata e programma terapeudico

Condotte violente in ambito familiare. Questa l’accusa nei confronti di un cittadino sannita con problemi di natura psichiatrica. Il Gip presso il Tribunale di Benevento ha infatti disposto la libertà vigilata con la prescrizione per l’uomo di proseguire un programma terapeutico presso una struttura sanitaria del territorio. La misura di sicurezza non detentiva è stata eseguita nella giornata di oggi dai carabinieri di Pesco Sannita.

La chiusura degli OPG e la nuova normativa con conseguente passaggio ad una finalità curativa dell’indagato affetto da patologie psichiatriche – scrive la Procura di Benevento – trova concreta attuazione nel caso di specie. Sia il consulente psichiatrico che ha relazionato su incarico della Procura in merito all’efficacia di una soluzione non detentiva in considerazione dei trattamenti già in corso, sia il pubblico ministero che ha avallato tale opzione e ha avanzato la richiesta della libertà vigilata e il GIP che ha condiviso questo percorso emettendo la misura, – conclude nella nota del procuratore Aldo Policastro – costituiscono un tentativo concreto di risoluzione dei problemi giudiziari mediante un approccio di tipo sanitario e curativo e non meramente punitivo.

Lascia un commento