CALIAMO IL TRIS

Talvolta le partite si possono vincere anche dal divano. Non necessariamente giocando alla Play Station, ma nel calcio vero. Una cosa simile a quella accaduta a Cristian Bucchi proprio in occasione dell’ultimo turno infrasettimanale che non ha visto i suoi ragazzi vestire i panni degli attori protagonisti. L’ondata di maltempo che ha colpito La Spezia ha frenato la loro voglia di tornare in campo, così via libera a Dazn, allo streaming e allo scouting.

Una sfida in particolare ha catturato l’attenzione dell’allenatore giallorosso, quell’Ascoli-Verona terminato nel modo meno atteso possibile. L’ha decisa una rete di Cavion a 5 minuti dalla fine, quando ormai tutto lasciava presagire al pari. Poi uno sguardo veloce agli altri risultati e alla classifica. In vetta ha rallentato anche il Pescara, ‘premiato’ da un gol fantasma concesso al San Vito di Cosenza, ma ha accelerato il Palermo, vittorioso con un roboante 3-0 in trasferta sul Carpi. La situazione è questa: il Benevento è a tre punti dalla vetta con ben due gare in meno rispetto a chi la occupa attualmente, ovvero la squadra abruzzese di Pillon. Ma il problema, se mai volessimo definirlo tale, sfiora appena gli stregoni, che hanno giurato più volte di non aver stilato alcuna tabella di marcia. Dopo l’Ascoli sarà il turno della trasferta con il Carpi, non proprio una delle più ostiche, almeno sulla carta. Pur non volendo sbilanciarsi, è inevitabile che un pensierino al prolungamento della striscia di vittorie lo si sia fatto, soprattutto se si considera l’abisso tra l’organico giallorosso e quello delle prossime avversarie. Intanto la gara con l’Ascoli è alle porte. Il Benevento incontrerà volti conosciuti come quelli di Padella (ex indimenticato) e Ganz (nemico dimenticato, seppur con fatica). E poi l’incrocio suggestivo con Vivarini, allenatore che l’ultima volta al Vigorito, sulla panchina del Latina, fece tanti complimenti ai giallorossi all’epoca allenati da Marco Baroni. Nel momento in cui scriviamo non si sa se il tecnico di Ari, comune di poco più di mille abitanti della provincia di Chieti, dirigerà i suoi dall’area tecnica o darà disposizioni dalla tribuna, causa allontanamento dalla panchina durante il match con il Verona. Di sicuro nella sua area tecnica di competenza ci sarà Cristian Bucchi, che vuole approfittare dell’anomalia inaspettata del calendario e centrare la terza vittoria casalinga consecutiva. Il suo Benevento, dopotutto, è virtualmente primo e il treno è quello giusto. Farsi scappare questa occasione sarebbe un delitto.

Francesco Carluccio per Corriere Sannita

Scarica qui il numero 6 di Giallorossinews numero 6 web

Lascia un commento