Droga, arrivano i clienti durante la perquisizione dei carabinieri

Arresto x droga3CARABINIERI | Continua senza sosta l’attività antidroga dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Benevento che, nella mattinata odierna, nell’ambito di un’operazione antidroga, hanno arrestato Enzo Martinelli, 34enne di Benevento.

L’interessato, già noto ai Carabinieri per i suoi specifici precedenti nel campo degli stupefacenti, che lo hanno recentemente già denunciato per analoghi specifici reati, era da tempo tenuto sotto osservazione dagli investigatori, che da diversi giorni avevano notato uno strano andirivieni di persone sospette, nei pressi della sua abitazione al rione Libertà. Decidevano pertanto di eseguire dei controlli ed intorno alle 09,00 di questa mattina, si portavano presso la sua abitazione per eseguire una perquisizione personale e domiciliare.
Nel corso delle ricerche, i militari rinvenivano, in un piatto riposto sopra un armadio della camera da letto dell’interessato, una bustina contenente dell’eroina e nel prosieguo della perquisizione, nella cucina dell’abitazione, abilmente nascosta in un posacenere, un ulteriore involucro di cellophane contenente granuli di analoga sostanza, per un peso di circa 2 grammi.
Nel corso dell’operazione è stata anche sequestrata la somma di 569 euro in monete di vario taglio, ritenuta provento dell’attività di spaccio ed 1 bilancino elettronico in miniatura di alta precisione.
Un singolare episodio si è poi verificato durante la perquisizione, allorquando bussavano al campanello del Martinelli, tre persone, che i Carabinieri facevano accomodare. Sentiti in ordine alla loro “visita”, due di essi dichiaravano ai militari di essersi portati dal Martinelli in quanto certi di poter “trovare” della sostanza stupefacente da poter acquistare, essendo lo stesso un noto spacciatore. Uno di loro inoltre ha dichiarato ai Carabinieri che, per alcune riparazioni che doveva eseguire nella casa del Martinelli, sarebbe poi stato ripagato con una “dose” di sostanza stupefacente.
Mentre i tre soggetti, dopo essere stati condotti presso gli Uffici del Comando di via Meomartini e sentiti, venivano successivamente rilasciati, a carico del Martinelli, invece, oltre alla detenzione, si configurava una concreta attività di spaccio di sostanze stupefacenti e pertanto i Carabinieri lo dichiaravano in stato di arresto, quindi, dopo le formalità di rito, veniva associato alla Casa Circondariale di Benevento a disposizione del Sostituto Procuratore di turno, d.ssa Filomena Patrizia Rosa, informata sui fatti.
E’ stato altresì accertato che il Martinelli, si è reso responsabile di furto di energia elettrica, avendo gli stessi militari operanti accertato che il medesimo aveva manomesso il contatore dell’energia, così come appurato dai tecnici dell’ENEL fatti intervenire per gli accertamenti di competenza, collegandosi direttamente alla rete principale.

Lascia un commento