Arrestato 30enne beneventano corriere della droga. Occultava in casa oltre 67mila euro

IMG_1286Nella tarda serata di ieri, in Paolisi, lungo la strada statale appia, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Montesarchio, nel corso del servizio di controllo del territorio, finalizzato al contrasto dell’illegalità diffusa, intercettavano una fiat punto, di colore bianco, notata transitare con fare sospetto. L’auto, alla vista dei Militari, aumentava l’andatura nel tentativo di eludere il controllo ma inseguita veniva bloccata. Al suo interno venivano identificati B.A., 30enne beneventano, proprietario e conducente; R.L.D. 30enne residente in Ceppaloni e T.S. 45enne beneventano, tutti nullafacenti e pregiudicati. 

All’atto del controllo R.L.D. tentava di disfarsi di una bustina in plastica trasparente e di cedere al B.A. una somma in denaro. Bloccati, dunque, i tre venivano condotti in caserma. Perquisito, veniva trovato in possesso di euro 3mila300, in banconote di piccolo taglio, nonché di grammi 18 di cocaina, contenuti nella bustina citata: negative le perquisizioni degli altri due e dell’autovettura. 

Portatisi presso l’abitazione di R.L.D., gli operanti rinvenivano:

– n. 2 panetti di hashish, del peso, rispettivamente, di 100 e 76 grammi;
– grammi 23 di marijuana, custodita all’interno di un barattolo in plastica;
– grammi 340 di sostanza da taglio, del tipo lidocaina, custodita all’interno di un barattolo in plastica;
– n. 1 spinello già confezionato;
– n. 19 semi di canapa indiana;
– n. 2 bilancini di precisione;
– materiale per il confezionamento di singole dosi;
– un taccuino riportante cifre in corrispondenza di nomi di soggetti;
– n. 21 banconote da euro 20, di cui 20 evidentemente contraffatte.
Tutto, rinvenuto negli arredi e nelle pertinenze dell’immobile, sottoposto a sequestro.

Le operazioni venivano estese all’abitazione dei genitori del 30enne, ubicata in Benevento, al cui interno i Militari rinvenivano e sequestravano la somma complessiva di 67mila e 900 euro in banconote di vario taglio, occultata all’interno di una cassaforte installata nella soffitta e di cui i genitori del giovane non sapevano fornire esaustive giustificazioni. Alle ore 05:30 circa, dunque, il giovane Luciano Domenico Ricci veniva dichiarato in arresto per il reato di spaccio di stupefacenti e tradotto presso la casa circondariale di Benevento a disposizione dell’Autorità Giudiziaria sannita.

Denuncia in stato di libertà per l’altro trentenne ritenuto responsabile del reato di favoreggiamento personale.

Lascia un commento